SCARPA


 

La scarpa Ŕ un allargamento progressivo della muratura verso la base. Non condividiamo l'opinione che servisse a far rimbalzare i proiettili lanciati per caduta verso l'attaccante. Sembra assai pi¨ probabile che la sua utilitÓ fosse di tipo statico, per allargare la fondazione di murature molto pesanti, e di tipo difensivo, per aumentare lo spessore della muratura lÓ dove era pi¨ probabile l'attacco degli arieti e degli zappatori nemici.

 


 


 Francesco di Giorgio afferma che l'utilitÓ della scarpa consiste nel costringere ad una maggiore inclinazione le scale d'assedio, che per reggere l'aumentato momento flettente -vedi sopra- si appesantiscono e divengono meno maneggevoli.
 

 

SCARPA IN TERRA

 


 
Padenghe, BS.
Villafranca Veronese, VR.

 

SCARPA IN TERRA RIVESTITA

 

Sembra probabile che la scarpa in muratura sia nata dal rivestimento di un rilevato in terra.

 


 
Cittadella di Aleppo, Siria

La collina che ospita la cittadella Ŕ ricoperta di un paramento continuo in pietra, probabilmente per rendere pi¨ difficile la scalata e per impedire agli assalitori di scavare ripari.

Lonato, BS.

L'ampiezza e la pendenza della scarpa, come anche la modestia del muro di coronamento, rendono plausibile che si tratti di una precedente fortificazione in terra e legno modificata dopo la generalizzazione della muratura. 


 

SCARPA IN MURATURA

 

"A Cesarea ... le nuove difese ... erette da Luigi IX tra il 1251 e il 1252 ... consistevano in una pesante muraglia sostenuta da una scarpa in muratura, fiancheggiata da sedici torri rettangolari. ... il rivestimento della scarpa era di otto metri ed il muro superiore, probabilmente, altri dieci metri"
Kristian Molin, Unknown Crusader Castles, p.27.

 


 

Castell'Ursino, Catania.

Prima metÓ del Duecento.


 
Conway, GB.

Fine del Duecento.


 

Krak des Chevaliers, Siria.

La grande scarpa aggiunta dopo un disastroso terremoto alla fine del XII secolo potrebbe avere pi¨ un intendimento statico che difensivo.


 

Monselice, PD

La cosiddetta torre di Federico, in cima al colle.


 

Fermo, MC.

Ben evidente il rinfianco in terra della scarpa, mentre il paramento retrostante poggia su archi scarico tra contrafforti.

Gradara, PU.

Il volume interno della scarpa Ŕ riempito di terra costipata o di calcestruzzo.


 

Acquaviva Picena, MC.

 

ZOCCOLATURA

 


 
Castelfranco Veneto, TV

Zoccolatura di rinforzo basamentale nelle mura del primo Duecento.


 

Capua, CE.

Torre di Federico II di Svevia con vistosa zoccolatura decorativa.

 

 

Elcito, MC


 

CORDONATURA

 

Per pure ragioni estetiche, crediamo, la giunzione fra la scarpa ed il paramento verticale viene marcata da un elemento architettonico a sezione semicircolare, a volte realizzato in forma di cordone.

 


 
 

Ferrara.

Cordonatura sagomata a gomena.

 


 
Mariana, MN.


 

Cantagallo, c. di Castel del Rio, RA

Raro esempio di cordonatura molto prominente.

Monfestino, c. di Serramazzoni, MO

Cordonatura risalto torico rifasciata.

Spedaletto, c. di Pienza, SI

Cordonatura a sezione ogivale.

 

Rocca Brancaleone, Ravenna.

Cordonatura a sagoma complessa.